a volte ritornano…

Pensieri alla spina…ti ho abbandonato per troppo tempo, caro amico mio. troppo preso dalla vita e dalla sua frenesia. tra lavoro, famiglia e stanchezza, ti ho trascurato, ma non ti ho dimenticato. non lo potrei fare mai. sei sempre la mia pagina bianca preferita su cui scrivere le mille cose che mi passano per la testa. sei un fedele e silenzioso compagno, che ascolta le mie sciocchezze e le mie paranoie, i miei pensieri e le mie paure. e oggi voglio dedicarti un pò del mio tempo. e voglio dedicare agli amici di questo bar virtuale, una canzone che amo, del grande Mannarino…”il bar della rabbia”. perchè voglio brindare a chi è come me…a chi ogni tanto si sente come ” l’ odore de tappo der vino che hanno rimannato ndietro” o a chi si sente come “i calli sulle ginocchia di chi ha pregato tanto e nun ha mai avuto”… a chi è come er vento… vado ndo me va…vado ndo me va, ma sto sempre qua.”.

perchè “la cosa più sfortunata e pericolosa che mi è capitata nella vita è la vita, che una vorta che nasci, giri… conosci… intrallazzi… ma dalla vita vivo nunne esci… uno solo ce l’ha fatta… ma era raccomannato… Io invece nun c’ ho nessuno che me spigne. mejo…’n se sa mai… visti i tempi!” … e “mò che viene sera e c’è il tramonto io nun me guardo ndietro… guardo er vento. Quattro ragazzini hanno fatto n’ astronave con npò de spazzatura vicino ai secchioni, sotto le mura dove dietro nun se vede e c’è n’aria scura scura. Ma guarda te co quanta cura se fanno la fantasia de st’ avventura. Me mozzico le labbra, me cullo che me tremano le gambe de paura.
poi me fermo e penso: però che bella sta bella fregatura…”